Tempo perso, tempo preso

Tempo perso, tempo preso«Quando si dice che una persona perde tempo non è un complimento. Anzi. Non per chi pensa che il tempo è denaro.
E certo è importante spendere bene il tempo, anche se non è denaro, proprio perché non è denaro. È qualcosa di più prezioso.
I perditempo spesso sono i sognatori, le persone dotate di grande immaginazione, chi si concentra molto su cose anche piccole.
Ma tanto del tempo che in apparenza viene perduto – consumato, dissipato – si trasforma in qualcos’altro.
Perdendo tempo si scoprono cose, si risponde a domande. Si viaggia con la testa e col cuore.
E questo Maisie lo sa bene.
Perché grazie al suo orologio che funziona a rovescio lei il tempo non lo perde: lo acchiappa, anche quello che è passato molto prima di lei, e lo fa suo. Vive cose che altri non vivranno mai.
È un modo come un altro di passare il tempo, invece di guardare la televisione o giocare con i suoi amici, o leggere o fare i compiti. Ma non è tempo perso: è tutto tempo preso.»

Da Maisie e la tigre di Cleopatra, di Beatrice Masini.